Insurgent; Veronica Roth

Insurgent, Veronica Roth, trilogia.jpg

Introduzione

Il secondo libro di Veronica Roth e della saga di Divergent è stato pubblicato a maggio del 2012, in Italia, come al solito più di un anno dopo, novembre 2013.
È un romanzo di fantascienza distopica.
La storia riparte esattamente da dove si è fermato Divergent.

Trama

Dopo l’attacco agli Abneganti Jeanine Mattwes, la capofazione degli Eruditi, sta cercando di prendere il potere, così sembra a tutti, ma Tris scopre da Marcus, il padre di Tobias, che gli Abneganti stavano nascondendo un file molto importante, che stavano per divulgare e che l’attacco contro di loro sia stato fatto anche per impadronirsene ed impedirne la divulgazione.
Tobias non vuole credere a Tris perché non si fida di suo padre e lo reputa solo un bugiardo. Una volta diventato capo degli Intrepidi, almeno della parte che non si è unica agli Eruditi, decide di allearsi con gli Esclusi, capeggiati da sua madre, per attaccare gli Eruditi e prendere il potere. Questa alleanza sembra fragile dato che gli Esclusi vogliono abolire le fazioni, mentre gli Intrepidi vogliono tornare al precedente status quo.

Commenti e Critiche

Mi sono lamentata che spesso non curasse i dettagli e, come avevo scritto nell’articolo su Divergent, in questo libro ci sono un paio di dettagli sbagliati, a cui, evidentemente l’autrice non ha fatto molta attenzione:
-Nel primo libro quando suo padre le toglie la pallottola dalla spalla è Caleb a levarsi la sua camicia per darla a lei, mentre nel secondo magicamente Tris non vuole separarsi dalla sua camicia da Abnegante perché è l’unica cosa che le è rimasta di suo padre.
-Quando parla con i suoi genitori a tavola di Marcus Tris sa che la madre di Tobias, morta mentre metteva al mondo il secondo figlio, morto anch’esso poto tempo dopo, e di non aver mai visto Tobias. In Insurgent, invece, dice di non sapere perché la madre sia morta e pensa di ricordarsi Tobias al funerale di lei (anche se non sa nemmeno lei se si sta inventando il ricordo o se sia vero).
-Parlando con suo fratello delle fazioni per cui era adatta dice che Tori ha modificato il suo scenario, mettendola sull’autobus per escludere gli Eruditi, ma non è così, nel primo infatti Tori le spiega che era per escludere i Candidi ed effettivamente Tris ha mentito senza pensarci due volte.
-SPOILER: Gli Intrepidi e gli Esclusi si sono alleati e stanno per attaccare il quartier generale degli Eruditi, Tris dice a Tobias che non prenderà parte all’attacco perché non è in grado di sparare e non se la sente. In realtà ha un piano, insieme a Marcus, per andare a recuperare un file che Jeanine ha rubato agli Abneganti.
Tris, Marcus e Christina si recano dai Pacifici per chiedere aiuto per mettere in atto il loro piano.
Se mancano due giorni all’attacco Tobias non si accorge che Tris è sparita nel nulla? Che cosa è successo in quei due giorni per non essersi accorto che Tris, che stava nella stessa casa di Tobias in quei giorni era sparita nel nulla?

In Divergent parlando delle religioni ho detto che sono gli Abneganti la praticavano, in realtà mi sono sbagliata, in questo si capisce che anche le altre fazioni sono credenti, ma come per tutto il resto delle cose ogni fazione ha la sua versione ad immagine.

In un pezzo chiama Tobias “compagno Divergente”, non lo so a me fa molto amico commilitone è stato bello combattere al tuo fianco, che in effetti in quel pezzo è così, ma si tratta del suo ragazzo non penso che questa sia la prima cosa che ti viene in mente pensando a lui!

Riprendo quello che ho già scritto la storia mi è piaciuta abbastanza, credo che sia anche dovuto al fatto che avevo già visto il film e quindi non può sembrare più brutta di quella, però doveva stare un po’ più attenta ai dettagli, capisco che ricordarseli tutti con tre libri può risultare complicato, però tu sai che hai già parlato della madre, ad esempio, vai a rileggerti il pezzo.

Mi è piaciuto molto che per una volta i due amanti non siano tutti rose e amore, o comunque costretti ad essere separati per colpa di terzi, ma che invece i loro caratteri siano in continuazione in contrasto l’uno con l’altro e che per una volta si veda anche qualcosa di brutto di una relazione, i problemi, come la mancanza di fiducia.
Potete trovare il libro qui, se siete interessanti a questa saga. Per questa recensione è tutto, vi lascio al riassunto, se l’articolo Dal libro al film: Insurgent non sia sufficiente.

Riassunto

È notte, il treno passano vicino alla recinzione, è il momento di saltare giù.
Tobias sa il codice per aprire il cancello che per fortuna nessuno ha cambiato.
Arrivano dai Pacifici, Marcus li guida fino all’ufficio di Johanna Reyes, i Pacifici non hanno capi, lei è solo la rappresentante.
Li accoglie, per quella notte, il giorno successivo però dovranno votare tutti i Pacifici per decidere se farli restare o meno. Una delle regole è che nella residenza non entrino armi, perciò Tobias e Tris devono lasciare le loro, Tobias consegna la sua, ma blocca Tris, nascondendo il suo gesto prendendole la mano nella sua.
In mensa incontrano gli altri Abneganti fuggiti qualche ora prima di loro, danno a Tris un liquido che servirà a dormire.
Tris si sveglia pensando a Will, poteva sparargli alla mano invece di ucciderlo. Sente la pistola dietro di lei e decide di nasconderla sotto il materasso, perché non riesce nemmeno ad impugnarla, decide di nascondere l’hard disk tra il cassettone e il muro, sa che dovrebbe distruggerlo, ma lì dentro ci sono le uniche immagini dei suoi genitori.
Tobias va da lei per sapere come sta, non sa di Will e lei ha paura di dirglielo perché non sa cosa penserà di lei, così decide di non dirgli nulla e di fingere di star male solo per i suoi genitori.
Va a farsi la doccia, quando torna Susan le portar del cibo e si offre di pettinarle i capelli, visto che Tris è ferita alla spalla. Le ricorda come faceva sua madre e non riesce a sopportarlo, perché lei non è più quella ragazza dopo tutto quello che ha fatto, così quando la lascia sola prende le forbici del set da cucito e si taglia i capelli dal mento.
Caleb e Tobias la vanno a prendere per andare alla serra, dove i Pacifici decideranno cosa fare con loro.
Dopo che ne hanno discusso tutti insieme sono arrivati alla decisione di rimanere neutrali nel conflitto e di dare rifugio a chiunque lo chieda, ma per restare lì ci sono delle regole: niente armi, niente conflitti o litigi. Chiunque trasgredisca sarà invitato ad andarsene.
Tris, un po’ sorpresa del loro modo di prendere decisioni, e Tobias pensano che non riusciranno a rimanere lì per molto tempo data la presenza di Marcus, di Peter e della pistola che hanno nascosto.
Alla sera Tris vede Johanna e Marcus andare in un frutteto da soli, li segue e li sente parlare di un documento che Jeanine voleva rubare agli Abneganti, secondo Marcus è per questo li ha attaccati, proprio in quel momento. Johanna vorrebbe sapere di più, ma Marcus si rifiuta perché se fa qualche sciocchezza Jeanine distruggerà il documento.
Tris va a cercare Tobias per riferirgli quello che ha sentito, lo trova insieme a Caleb che lanciano coltelli contro un pezzo di formaggio. Caleb se ne va, era andato lì a dire a Tobias di comportarsi bene con sua sorella.
Tris gli riferisce il discorso, ma Tobias sostiene che Marcus vuole solo attirare l’attenzione e che in realtà non c’è nulla, secondo lui la loro priorità è tornare in città e rispondere agli Eruditi. Tris al contrario crede sia più importante scoprire prima la verità, ma sa che Tobias non si farà mai convincere.
Caleb è curioso di sapere della divergenza di Tris stanno parlando e quali sono le fazioni per cui è adatta, in quel momento arriva Tobias evidentemente alterato. Marcus chiede loro di scortarli in città, dato che lui e gli altri Abneganti non possono abbandonare quelli della loro fazione ancora lì e decidono di partire dopo due giorni.
Tris non si arrende e segue Marcus, ma non riesce ad ottenere informazioni, perché si fa distrarre e finisce solamente per offenderlo ed andarsene arrabbiata.
Quella notte ha degli incubi e va nella camera di Tobias, la mattina seguente trova Peter nella sua stanza, l’aveva vista pedinare Marcus ed è andata da lei per rubargli l’hard disk
Peter ha visto che Tris ha pedinato Marcus, così la mattina dopo, visto che Tris era andata a dormire da Tobias dopo un incubo, va in camera di lei e ruba l’hard disk. Lei lo prende a pugni, attirando l’attenzione di Pacifici ed Abneganti lì intorno. Tobias recupera l’hard disk dalla tasta di Peter ed entrambi vengono rimproverati dai Pacifici, a Tris viene iniettato quello che loro chiamano il siero della pace, in quantità un po’ elevata, praticamente l’hanno drogata e Tris diventa una specie di amante di qualsiasi cosa (il pezzo è molto divertente da leggere), Tobias la vede in quelle condizioni e si arrabbia con Johanna che si scusa per la dose un po’ eccessiva e raccomanda loro che se vogliono evitare gli effetti del siero dovrebbero stare lontani dal loro pane.
Quella sera Tris sente un rumore strano, si arrampica su un albero e vede che delle macchine, dotate di pannelli solari sul tettuccio, Erudite quindi, si stanno avvicinando. Corre a dare l’allarme, sanno che scappare sarebbe inutile, perciò decidono di travestirsi tutti da Pacifici e mescolarsi tra loro.
Gli Eruditi arrivano, accompagnati da alcuni Intrepidi traditori, stanno cercando tre Intrepidi, un ex Erudito e un Abnegante, Johanna dice loro che quelli che stanno cercando sono stati lì, ma che se ne sono già andati, vogliono perquisire comunque la residenza e di sicuro troveranno vestiti Abneganti nei cestini e quello che rimane dell’hard disk che Tris ha rotto.
Nella sala mensa rimangono tre Intrepidi e un’Erudita. Quattro desta dei sospetti, una guardia vede il suo tatuaggio, la loro copertura è saltata, così attaccano e riescono a scappare e a raggiungere la recinzione. Tris quasi si fa sparare perché rimane imbambolata mentre un’Intrepida traditrice le punta la pistola contro, Caleb, però riesce a salvarla. Mentre corrono via invece Tris salva la vita a Peter, spingendolo via quando un colpo gli stava per arrivare in testa.
Superano la recinzione tramite un varco nella rete, le macchine non possono passare di lì, perciò avranno un po’ di tempo. Camminano per un po’ di fianco alle rotaie finché sentono un treno arrivare, se continuano a stare lì gli Eruditi li troveranno sicuramente, così decidono di salire. Si ritrovano circondati da Esclusi, armati, chiedono aiuto, spiegando la situazione in cui si trovano, ma non vogliono sentir ragioni, Edward, il loro capo, sostiene che nessuno ha mai aiutato loro, Tris gli ricorda che lei è stata l’unica ad aiutarlo quando Peter lo aveva aggredito. Non basta nemmeno questo, così Tobias dice il suo nome. A quelle parole gli Esclusi mettono giù le armi e vogliono che vadano con loro.
Arrivano ad un edificio diroccato, scoprono così che gli Esclusi non vivono la vita solitaria che tutti pensano, ma si sono organizzati come una vera e propria fazione.
Vengono portati dal loro capo, Evelyn, che si scopre essere la madre di Tobias, lui mette subito in chiaro che non è andato lì per allearsi con lei, ma perché i suoi scagnozzi non gli hanno dato molta scelta.
Durante il loro soggiorno Tris scopre che la maggior parte degli Esclusi arriva dagli Intrepidi, soprattutto perché una volta diventati anziani non sono più adatti a vivere nella loro fazione, poi dagli Eruditi e dai Candidi, dai Pacifici sono pochissimi, invece, e nessuno dagli Abneganti.
Scoprono che gli Intrepidi si sono divisi e quelli che non si sono alleati con gli Eruditi si sono rifugiati dai Candidi.
Tris si sveglia e sente parlare Tobias ed Evelyn: stanno tenendo il conto dei Divergenti tra gli Esclusi e rivela a Tobias che gli Abneganti stavano facendo degli esperimenti con i Divergenti, ma non sa perché. Vuole che gli Intrepidi si uniscano a lei per ribaltare il governo e instaurarne uno nuovo, senza fazioni e vuole che Tobias diventi importante per la sua fazione, così da poter fare alleare gli Intrepidi con gli Esclusi.
Caleb e Susan vogliono andare a cercare gli altri Abneganti, mente Tris e Tobias vanno dai Candidi per riunirsi alla loro fazione. Tris sospetta che Tobias abbia in mente un piano che a lei non dice.
Quando arrivano li arrestano immediatamente e li portano in cella. Poco dopo il leader dei Candidi, Jack Kang, va da loro, li informa che sono accusati di crimini contro l’umanità e complicità, perché ci sono i video che mostrano Tobias nella sala computer che guida l’attacco e di lui e Tris che prendono le registrazioni, come a voler eliminare le prove, anche se sono solo delle copie.
Jack dice loro che visto che sembravano veramente non sapere di cosa fossero accusati, perciò verranno sottoposti ad interrogatorio sotto il siero della verità. Tris non vorrebbe farlo, ma se si rifiutasse si capirebbe che sta nascondendo qualcosa.
Christina va a prenderli per scortarli alla sala dell’interrogatorio, comunica a Tris che Will è morto, lei dice di averlo visto dai monitor, Tobias sa che sta mentendo, ma lei lo ignora.
Tris e Tobias vengono interrogati, adesso tutti sanno chi è Tobias, che l’articolo di Jeanine su suo padre diceva la verità, che è un Divergente e cosa è successo il giorno dell’attacco.
Tris riesce ad evitare di parlare di Will quando le chiedono di raccontare cos’è successo quel giorno, ma alla fine quando le chiedono quale sia il suo più grande rammarico confessa di aver ucciso il suo amico.
Christina si arrabbia con lei. Litiga anche con Tobias, deluso che lei non si fidi abbastanza per confidargli quelle cose, lei gli rinfaccia a sua volta di star tramando con sua madre senza informarla.
Tris se ne sta in disparte, così da non obbligare Christina a vederla, fino a che Lynn non la trova e la sgrida per essersi isolata. Insieme raggiungono gli altri che stanno per andare all’Hancock per spiare gli Eruditi e capire che stanno facendo.
Sono riuniti nell’ingresso, pronti ad andare, quando vengono attaccati dagli Intrepidi traditori.
Gli Intrepidi traditori si mettono a cercare tutti i Divergenti presenti nella residenza dei Candidi. Tris, che è sveglia perché la simulazione che ha fatto addormentare tutti gli altri su di lei non funzione, si mette una giacca con la fascia azzurra di un’Intrepida traditrice a terra, per mimetizzarsi tra i nemici. Anche Uriah è sveglio, anche lui Divergente, lo manda al secondo piano a dire agli altri cos’è successo.
Tris si mette a cercare i Divergenti, trova una bambina alla quale dice d scappare, Eric però la vede e la riconosce. La blocca e la porta davanti agli ascensori, dove sono stati radunati tutti i Divergenti.
Il loro obbiettivo è trovare due Divergenti adatti per gli esperimenti da portare al quartiere degli Eruditi ed uccidere tutti gli altri.
Eric inizia a scegliere, uccide un bambino, troppo piccolo perché la Divergenza sia completamente sviluppata.
Tris intanto si è ricordata di avere un coltello nella tasca, riesce a prenderlo, senza che la guardia che la sorveglia se ne accorga, ma non può salvare il bambino, perché è troppo lontano, quando Eric si avvicina a lei gli salta addosso, affondando il coltello. In quel momento Uriah attacca un’altra guardia e parte il contrattacco.
Tris si toglie l’ago che le hanno sparato addosso all’inizio dell’attacco, vede che nel suo braccio c’è una macchia bluastra. Parlando con Tobias scopre che è stata Cara, la sorella di Will, Erudita, a dare l’allarme, tradendo la sua fazione. Tobias e Tris realizzano che quello che è stato iniettato loro potrebbe essere un nuovo siero molto più duraturo e che quindi potrebbero sempre essere controllati in qualsiasi momento.
Intanto Caleb e Marcus sono andati lì, Caleb le dice che anche Peter è ancora vivo e che è dagli Eruditi.
C’è una riunione, viene chiesto ai Divergenti di farsi avanti, si scopre che anche Marcus lo è. La riunione inoltre è stata fatta per capire quale fosse lo scopo dell’attacco del giorno prima, Tris propone l’ipotesi del siero, ma viene presa come una ragazzina con una crisi di nervi.
Jack Kang vuole organizzare un incontro con Jeanine per fare un accordo.
Tori e Zeke, il fratello di Uriah si presentano dai Candidi, lei è ferita, Zeke chiede aiuto, dicono di non essere dei traditori, ma degli infiltrati. Dopo aver sottoposto Zeke al siero della verità lo accolgono di nuovo tra loro.
Tris sente una conversazione tra Christina e Cara, la sua ex amica la odia e non riesce a vedersela sempre intorno, ma Cara crede che quello che ha fatto Tris non lo abbia fatto per cattiveria o perché voleva farlo e che è la cosa più logica da pensare.
Si organizzano per andare ad origliare l’incontro tra un Erudito, che fa le veci di Jeanine, e Jack. Sono in mensa, in attesa che arrivi il momento, passano degli Intrepidi che dicono a Tobias che è un coniglio, lui si alza, va da suo padre, lo tira su di peso, gli da un pugno e lo butta a terra, prende la cintura e lo picchia, facendo quello che lui gli faceva.
Tris lo insegue chiedendogli cosa avesse fatto, sorpresa di vederlo così calmo, capisce che quello era solo un trucco per riconquistare il rispetto degli altri. Litigano di nuovo perché sono giorni che lei non si interessa a lui e decide di farlo in quel momento.
Tris si ricorda che Marcus sta nascondendo qualcosa, per cui i suoi genitori sono morti, e torna ad offrirle il suo aiuto per scoprire di cosa si tratti.
Vanno all’incontro, Tobias non voleva che Tris ci andasse, dato che non è ancora in grado di impugnare una pistola, ma lei non demorde, così va anche lui per cercare di proteggerla. Scoprono che la persona mandata da Jeanine è Max, però a Tris sembra strano il modo in cui parla, è troppo da Eruditi, e capisce che è perché è come se Jeanine gli mettesse le parole in bocca. Evidentemente li sta guardando e suggerisce tramite un auricolare.
Intanto Max dice che i Candidi sono inutili per loro, perciò non hanno potere contrattuale. Non attaccheranno la loro fazione solo se libereranno Eric, fatto prigioniero dopo l’attacco, permettano loro di perquisire tutto il palazzo e portar via tutti i Divergenti e vogliono tutti i nomi di quelli a cui non è stato iniettato il siero.
Jack si arrabbia, Lynn intanto è salita suo ponte per uccidere Max, mentre Tris e Tobias sono andati dove credono si trovi Jeanine. Ed infatti è così, ma si ritrovano con Peter che punta loro contro la pistola, Jeanine è scappata e al ponte hanno bisogno di loro.
Shauna rimane ferita, la portano allo Spietato Generale, riescono a salvarle la vita, ma non potrà più camminare.
Gli Intrepidi si riuniscono e decidono che devono andarsene, perché Jack accetterà le condizioni poste dagli Eruditi, ma prima devono trovare dei nuovi capifazione e giustiziare Eric.
Votano Tori, Tris, Tobias ed un altro di nome Harrison, ma visto che possono essercene tre soltanto Tris si tira indietro, prima che gli altri votino.
Vengono chiamati tutti per riunirsi e adempiere le richieste di Jeanine, gli Intrepidi hanno fatto i bagagli e sono nella stanza degli interrogatori per uccidere Eric, lui vuole che sia Tobias a sparargli.
Tornano nel loro quartier generale e si sbarazzano delle telecamere con i proiettili di vernice.
Tobias si deve incontrare con Evelyn e chiede a Tris di andare con lui per valutare la situazione, ma poi accetta le condizioni per l’alleanza senza chiederle nulla, ovvero di dare agli esclusi un posto nel governo e distruggere tutti gli archivi degli Eruditi.
Quando se ne vanno Tris gli chiede che cosa ci sia andata a fare con lui e che dovrebbero scoprire cosa sta nascondendo Marcus. Tobias dice che lei ha solo dei pregiudizi contro sua madre, lei ribatte che è lui quello coi pregiudizi che reputa suo amico chiunque odi Marcus.
La notte Christina la sveglia e la trascina sul tetto, lì, sul cornicione, ci sono il fratello di Lynn, una bambina e Marlene, sotto simulazione che dicono che se un Divergente non si consegnerà succederà quello ogni due giorni: si buttano, ma Christina e Tris riescono ad afferrare i due bambini, Marlene invece cade.
Christina dopo va da lei dicendole che ha visto com’erano e che la perdona per Will.
Tris è decisa ad andare lei, ma Tobias le fa promettere che non farà niente di stupido, e che con gli altri capifazione hanno deciso che nessun Divergente si offrirà, aumenteranno le misure di sicurezza così che la prossima volta li fermeranno prima. Alla notte, dopo che Tobias si è addormentato va via, prima sveglia Christina e le chiede di scoprire che cosa nasconde Marcus.
Arriva dagli Eruditi e Peter la porta in una cella.
Jeanine le fa vedere il tavolo sulla quale la uccideranno, ma Tris cerca di non fare una piega.
Le devono fare una risonanza magnetica, Tris si rifiuta di eseguire gli ordini e vuole fare un patto con Jeanine ovvero di collaborare e poter vedere i suoi risultati.
Quando la riportano in camera incontra Tobias circondato da traditori, le dice che quella è la conseguenza della sua decisione, è venuto lì per morire con lei.
Jeanine prova un nuovo siero, ma Tris riesce a controllarlo e far terminare la simulazione.
Tris viene portata al tavolo di metallo che Jeanine le aveva detto essere il posto in cui sarebbe morta, ma non è ancora arrivata la sua ora, vuole usarla per farsi dire da Tobias dove sono i ricoveri per gli Esclusi, iniettandole una versione molto più potente del siero degli Intrepidi.
Visto che è già lì la sottopone ad un altro test, ma prima, visto il loro accordo di trasparenza, vuole dirle chi le ha fornito tutte le informazioni sulla sua Divergenza e sul modo per far sì che fosse lei a venire a consegnarsi: Caleb.
Peter va a prenderla e incontrano Tobias con le sue guardie nel corridoio, si libera di loro, prende Tris e corrono via, ma non verso l’uscita. La conduce in una stanza e si chiudono in un ripostiglio. Confessa che non è andato lì a morire con lei, era una missione per trovare i centri di controllo per essere preparati il giorno dell’invasione. La data dell’esecuzione di Tris è fissata da lì a due settimane e sarà proprio allora che attaccheranno, lei deve riuscire a resistere fino ad allora. Tris non sa se ce la fa, non è neanche più sicura di voler continuare a vivere, ma Tobias le assicura che andrà tutto bene e la bacia, finché non arrivano dei traditori a riprenderli.
Si trova in un laboratorio per ricevere altre informazioni sul suo cervello, c’è anche Caleb, lei insiste per sapere da quanto tempo lui ha tradito la sua famiglia, ma non lui non cede, dice che la faccenda è più importante di quanto lei pensi e che riguarda tutta la città e anche quello che c’è fuori.
Tris resiste ad un’altra simulazione, dove Tobias la va a prendere per scappare.
Jeanine le punta una pistola alla testa, vuole sapere come ha fatto, ma Tris non glielo dice, la prende a pugni, prima che Peter la fermi. Urla contro Jeanine che non potrà ottenere informazioni da lei col dolore fisico, né con il siero della verità e tanto meno con le simulazioni.
Jeanine impazzisce, non è più la solita macchina fredda e calcolatrice.
Peter entra nella sua cella per informarla che la sua esecuzione è fissata per la mattina dopo, Jeanine ha deciso di utilizzare Tobias per i prossimi esperimenti.
Quando la porta verso la stanza col tavolo di metallo, nel corridoio si sentono le urla di Tobias che vuole vederla. Vanno davanti alla sua cella solo per qualche secondo.
Tris si rende conto solo in quel momento che vuole continuare a vivere, che lei deve vivere, ma è troppo tardi, Jeanine le inietta un siero violaceo e Peter le dice di essere coraggiosa.
Il battito si ferma, Peter ha il compito di portarla in un’altra stanza dove nel pomeriggio verrà eseguita la sua autopsia, ma arrivato a qualche corridoio di distanza invece la prende in braccio e va a liberare Tobias. Ha sostituito il liquido nelle siringa e Tris è solo paralizzata.
Scappano attraverso l’inceneritore dei rifiuti, dopo decidono che la cosa meno logica da fare è fermarsi per strada, così che gli Eruditi non li trovino.
Arrivano dagli Abneganti, dove nella casa di Marcus si sono riuniti Tori, Evelyn e Harrison, Tobias porta Tris nel bagno di sopra per lavarle i piedi, completamente insanguinati, visto che ha corso scalza.
Gli dice che lo ama e dopo tanto tempo fanno pace.
Verso sera Tris va al palazzo in cui gli Abneganti si riunivano una volta al mese, Marcus la segue per chiederle aiuto con il file che Jeanine ha rubato. Tris sa che se lo aiuterà sarà come tradire Tobias, ma Marcus le dice che sua madre, quando l’ha salvata, si trovava nel quartiere degli Eruditi per cercare di recuperare quel file.
Tori e Evelyn spiegano il piano di attacco, Tris va in camera di Tobias, lui la raggiunge per dirle che sarebbe stata nella sua squadra, ma lei sa che se andrà con lui non potrà mettere in atto il suo piano per trovare il file, così mente, dicendo che non se la sente ancora a sparare e che è meglio che lei rimanga a casa.
Tris, Christina si travestono da Pacifiche e con Marcus si recano fuori città per avere aiuto. Johanna chiede loro di restare quella notte, il giorno dopo ci sarà una riunione. La maggior parte dei Pacifici vota di continuare a restare lì, senza far nulla. Johanna non è d’accordo con questa decisione e dice che chiunque la pensa diversamente sarà il benvenuto ad andare con lei in città per fermare la guerra.
Tris e Christina chiedono a Cara di aiutarle a mettere in atto il piano per salvare alcuni database degli Eruditi.
Cara e Fernando, un altro Erudito, decidono di andare con loro per guidarle all’interno dell’edificio degli Eruditi.
Rientrano in città il giorno dell’attacco, non c’è nessuno a fare da guardia alla recinzione.
Schierati davanti alla residenza degli Eruditi trovano i Candidi armati e sotto simulazione che sparano a chiunque si avvicini troppo. Decidono di passare dalle finestre di un palazzo vicino, sopra i Candidi, che reagiscono solo ai movimenti. Quando tocca a Fernando passare la scala traballa, perché non c’è più nessuno a tenerla ferma dall’altra parte, i suoi occhiali cadono di sotto e i Candidi gli sparano addosso. Non c’è niente da fare.
Guidati da Cara arrivano al centro di controllo A, dove lei manderà tutti gli archivi nella rete dati. Caleb li trova e cerca di fermarli, dice loro che Jeanine non lascerebbe mai qualcosa di così importante in un computer pubblico, ma non vuole dir loro dove, Tris però capisce dove possa essere. Dopo averlo stordito Marcus, Tris e Christina vanno verso il laboratorio di Jeanine, che Tori le aveva detto essere custodito da molte protezioni.
A fare la guardia fuori trovano Edward, segno che probabilmente Tori ha già ucciso Jeanine. Nello scontro con Edward Christina viene ferita alla gamba, Tris non vorrebbe lasciarla lì, ma viene praticamente costretta da Marcus ad andare.
Ci sono due porte, così devono dividersi. Entra, la porta le si chiude alle spalle e parte una simulazione, una voce le spiega che ha cinque minuti per arrivare alla porta dall’altra parte della stanza o il veleno nell’aria la ucciderà.
A proteggere la porta, però, c’è il suo doppione, capisce che sono uguali e che l’unico modo per batterla è scoprire cos’hanno di diverso. Tris capisce che il suo doppio non ha la sua stessa determinazione a portare a termine il suo compito, così fa comparire una pistola e riesce a sparare, mentre l’altra Tris si fa prendere dal panico perché Tris, e anche il suo doppio, non vede sé stessa quando deve sparare, ma Will, quindi Tris è abbastanza disperata da sparare nuovamente al suo amico.
Arriva nella stanza di Jeanine, Tori sta per ucciderla, ma Tris riesce a disarmarla, le chiede di fermarsi perché solo Jeanine può trovare il file sul suo computer, ma Tori non le crede, le da della traditrice, prende un coltello dallo stivale e uccide Jeanine.
Tobias entra nel laboratorio, Tris lo implora di crederle e di dimostrare che la ama e si fida di lei come sostiene, ma Tobias non lo fa, crede ancora che Marcus sia solo un bugiardo e si arrabbia con lei per essersi alleata con lui alle sue spalle.
Uriah la porta di sotto, Tris nota che consegna la sua pistola ad un Esclusa, vanno nella biblioteca, ormai distrutta, dove hanno radunato tutti i traditori. Christina e Cara sono già lì.
Poco dopo Tobias arriva e prende Caleb, deve disattivare il sistema di difesa del laboratorio di Jeanine così che gli Esclusi possano entrare, a distruggere tutti i dati.
Alcuni Intrepidi stanno portando dentro Lynn, sembra ferita gravemente, Uriah chiama una prigioniera Erudita e le chiede di curarla, ma non c’è niente da fare, soprattutto perché è tutto distrutto. Prima di morire Lynn confessa a Uriah che anche lei amava Marlene.
Arriva Johanna, Tori le comunica che i Pacifici, come punizione per non aver preso una posizione, non avranno una rappresentanza al governo, lei le ricorda che chi è oppresso diventa forte, in quel momento Tris si rende conto che solo gli Esclusi sono rimasti armati. Evelyn inizia a fare il suo discorso, le fazioni saranno eliminate, Tori cerca di ribellarsi, ma Evelyn le fa notare la sua posizione svantaggiosa e continua con il suo discorso.
Entra Tobias, seguito da Marcus e Caleb e si dirige verso Tris per scusarsi e dirle che aveva ragione. In quel momento gli schermi ancora integri nella sala di accendono e compare una donna nello schermo dice che loro sono la speranza dell’umanità, mostra molti video di gente che si uccide a vicenda, di cadaveri in fosse comuni, e ogni tipo di atrocità, dopo ricompare la donna che dice che hanno cancellato loro la memoria per cercare di purificare la razza umana, che dovranno chiamare Divergenti le persone con un cervello più duttile della norma e che il compito degli Abneganti era di dire ai Pacifici di aprire i cancelli una volta che queste persone fossero in un numero elevato.
Alla fine dice che anche a lei verrà cancellata la memoria, che entrerà nella città insieme a loro e che il nome che assumerà sarà Edith Prior.

Rating: 5.0/5. From 1 vote.
Please wait...

Informazioni su Alle

Ciao, mi chiamo Allegra. Leggo da quando ho memoria, anche se, devo ammettere che inizialmente guardavo solo le figure. Alcuni anni fa ho creato Libri, Sogni e Realtà, un blog in cui parlare di libri, film e serie tv, principalmente che non mi sono piaciuti e in cui mostro le differenze di molte trasposizioni cinematografiche. Da pochi mesi ho aperto anche un canale Youtube in cui affronto argomenti simili.
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.