Homo Deus di Yuval Noah Harari

recensione-homo-deus-harari

Nella seconda metà del XX secolo l’umanità è riuscita in un’impresa che per migliaia di anni è parsa impossibile: tenere sotto controllo carestie, pestilenze e guerre.

Oggi è più probabile che l’uomo medio muoia per un’abbuffata da McDonald’s piuttosto che per la siccità, il virus Ebola o un attacco di al-Qaida.

Nel XXI secolo, in un mondo ormai libero dalle epidemie, economicamente prospero e in pace, coltiviamo con strumenti sempre più potenti l’ambizione antica di elevarci al rango di divinità, di trasformare “Homo sapiens” in “Homo Deus”.

E allora cosa accadrà quando robotica, intelligenza artificiale e ingegneria genetica saranno messe al servizio della ricerca dell’immortalità e della felicità eterna?

Harari racconta sogni e incubi che daranno forma al XXI secolo in una sintesi audace e lucidissima di storia, filosofia, scienza e tecnologia, e ci mette in guardia: il genere umano rischia di rendere sé stesso superfluo.

Saremo in grado di proteggere questo fragile pianeta e l’umanità stessa dai nostri nuovi poteri divini?

 continua a leggere

Il corpo in cui sono nata di Guadalupe Nettel

recensione-il-corpo-in-cui-sono-nata-guadalupe-nettel

Guadalupe si confronta con la sua infanzia segnata da un problema alla nascita: un neo bianco sulla cornea che l’ha costretta a portare per anni un grosso cerotto sull’occhio sinistro.

La bambina, immersa in un universo fatto di suoni nitidi e di immagini sbiadite, sviluppa fin da piccolissima un profondo senso di estraneità nei confronti del mondo che la circonda.

Sullo sfondo, il Messico degli anni Settanta, la scuola Montessori, i figli degli esuli politici e i suoi genitori in una relazione aperta. Ma poi, con gli anni Ottanta, tutto viene spazzato via: la famiglia si disgrega, il padre sparisce e la madre vola in Francia per proseguire gli studi lasciando la giovane protagonista, e il fratello, a casa di una nonna un po’ bigotta.

Il corpo in cui sono nata è un commovente romanzo di iniziazione alla vita e alla letteratura, un viaggio a ritroso verso l’accettazione di sé, un Bildungsroman ambientato tra l’America Latina e l’Europa. continua a leggere

Curiosità: Il Ritorno del Re (Libro Sesto)

curiosità-il-ritorno-del-re-libro-quinto

Il Signore degli Anelli (The Lord of the Rings) è stato scritto tra il 1937 e il 1949 da J.R.R. Tolkien.
Tra il 2001 e il 2003 escono le tre trasposizioni cinematografiche dei tre libri che compongono Il Signore degli Anelli.
Qui vedremo alcune delle parti del libro che non hanno trovato posto nella versione cinematografica della saga… continua a leggere

Lettura Bruciata: Sangue e Cenere di Jennifer L. Armentrout

lettura-bruciata-sangue-e-cenere

Pennelaphe è la vergine prescelta, ma questo vuol dire che fin dalla nascita non è mai stata padrona della propria vita.

Vive rinchiusa nel palazzo del duca, in attesa del suo diciannovesimo compleanno quando potrà ascendere e incontrare gli dei, anche se nessuno le ha mai spiegato cosa questo voglia dire.

Mille sono le restrizioni a cui deve sottostare e la possibilità di uscire le viene data solo nelle apparizioni pubbliche, ma sempre coperta da un velo che le nasconde i capelli e il viso.

Stanca di tutte queste regole, una sera Pennelaphe, Poppy per i pochi che possono conoscerla davvero, decide di uscire di nascosto e avventurarsi nella città.

Lì un incontro inaspettato cambierà tutto… continua a leggere

Dal libro al film: Il Ritorno del Re (Libro Sesto)

dal-libro-al-film-il-ritorno-del-re

Il Signore degli Anelli (The Lord of the Rings) è stato scritto tra il 1937 e il 1949 da J.R.R. Tolkien.

Si tratta di un’opera unica, una storia suddivisa in sei libri, ma che è stata pubblicata in tre volumi, tra il 1954 e il 1955: La Compagnia dell’Anello, Le due torri e Il ritorno del re.

Nonostante questa trilogia sia la più famosa, la storia continua da dove si è interrotto Lo Hobbit del 1937.

Tra il 2001 e il 2003 escono le tre trasposizioni cinematografiche dei tre libri che compongono Il Signore degli Anelli.

Qui vedremo tutte le differenze tra il film e il libro del Ritorno del Re (Libro Sesto). continua a leggere

Curiosità: Il Ritorno del Re (Libro Quinto)

curiosità-il-ritorno-del-re-libro-quinto

Il Signore degli Anelli (The Lord of the Rings) è stato scritto tra il 1937 e il 1949 da J.R.R. Tolkien.
Tra il 2001 e il 2003 escono le tre trasposizioni cinematografiche dei tre libri che compongono Il Signore degli Anelli.
Qui vedremo alcune delle parti del libro che non hanno trovato posto nella versione cinematografica della saga… continua a leggere

Dal libro al film: Il Ritorno del Re (Libro Quinto)

dal-libro-al-film-il-ritorno-del-re

Il Signore degli Anelli (The Lord of the Rings) è stato scritto tra il 1937 e il 1949 da J.R.R. Tolkien.

Si tratta di un’opera unica, una storia suddivisa in sei libri, ma che è stata pubblicata in tre volumi, tra il 1954 e il 1955: La Compagnia dell’Anello, Le due torri e Il ritorno del re.

Nonostante questa trilogia sia la più famosa, la storia continua da dove si è interrotto Lo Hobbit del 1937.

Tra il 2001 e il 2003 escono le tre trasposizioni cinematografiche dei tre libri che compongono Il Signore degli Anelli.

Qui vedremo tutte le differenze tra il film e il libro del Ritorno del Re (Libro Quinto). continua a leggere

La bugia di mezzanotte di Marie Rutkoski

recensione-la-bugia-di-mezzanotte-rutkoski

La vita di Nirrim è complicata e mesta; nel suo mondo ogni crimine è punito severamente, ma nel suo mondo ogni comportamento può essere visto come un crimine.

I piaceri non esistono, per lo meno non per i Mezza Stirpe, di cui Nirrim fa parte.

Solo gli Alta Stirpe possono permettersi il lusso, la spensieratezza e la libertà.

Ogni stirpe deve seguire delle regole, più rigide e deprivanti man mano che il rango si abbassa.

Nirrim, però, è fortunata, vive con Raven, una Mediocrite, stirpe che gode di molta più libertà e a cui è concesso di commerciare con gli Alta Stirpe.

Raven ha deciso di vivere nel Rione, il quartiere dei Mezza Stirpe, insieme alle figlie adottive.

Grazie al talento di Nirrim, crea passaporti falsi che permettono a molti di Mezza Stirpe di scappare nel quartiere dei Mediocriti e cambiare vita.

Nirrim ha imparato ad abbassare la testa, comportarsi secondo le regole e a non farsi mai domande perché “tutto è sempre stato così”, fino al giorno in cui incontra Sid, un viaggiatore, giunto da terre lontane che Nirrim non sapeva neanche che esistessero.

Sid non si veste secondo le regole, non viene trattato come lei e dice a Nirrim che c’è una magia nascosta nel quartiere Alto e loro devono scoprire come funzioni… continua a leggere

Il buio oltre la siepe di Harper Lee

recensione-il-buio-oltre-la-siepe-harper-lee

Siamo in Alabama, negli anni ’30 del 1900.

A Maycomb Jean Louise “Scout” e Jeremy “Jem” Finch, orfani di madre, vivono soli col padre Atticus.

Atticus è un avvocato, ma nonostante il suo lavoro occupi la maggior parte del suo tempo, ha sempre cresciuto i suoi figli con affetto e sensibilità.
Anche grazie all’aiuto di Calpurnia, la cuoca afroamericana, che li ha cresciuti come veri e propri figli.

La famiglia Finch si troverà additata dall’intera comunità quando Atticus accetta di difendere un bracciante nero accusato, ingiustamente, di aver abusato di una donna bianca.

Scout e Jem dovranno affrontare i pettegolezzi e le offese verso il padre che viene definito “negrofilo”.

Più si avvicina il processo, più le occasioni di scherno aumentano.

Il processo deve ancora iniziare che tutta la cittadina sembra già aver deciso la conclusione, ma Atticus non ha intenzione di arrendersi senza lottare fino all’ultimo… continua a leggere

Lolita di Vladimir Nabokov

parliamone-lolita-vladimir-nabokov

Humbert Humbert è un professore di trentasette anni che, dopo il recente divorzio e un esaurimento nervoso, decide di lasciare il lavoro e trasferirsi nel New England.
Qui vivrà a pensione da una giovane donna, Charlotte Haze, e sua figlia dodicenne, Dolores.
La vista di questa ragazzina gli fa tornare in mente il suo primo amore giovanile e dalla prima occhiata viene attirato inesorabilmente da Dolores, da lui denominata Lolita. continua a leggere