Recensione: Affamata di Melissa Broder

recensione-affamata-broder-fuggitive

Rachel soffre di un disturbo alimentare che la porta a contare ossessivamente le calorie di ogni cibo che incontra.

Ha stabilito una dieta rigida e dalle calorie prestabilite, traendo un piacere quasi erotico dai pochi cibi che si permette di mangiare.

A rompere la sua routine, Miriam, la nuova commessa e proprietaria della yogurteria in cui ogni giorno, religiosamente, Rachel si concede il suo yogurt ipocalorico.

Miriam è l’esatto opposto di Rachel, una ragazza in carne, tutta curve che insiste per farle provare nuovi gusti e glassature a cui Rachel non riesce a dire di no.

Così come non riesce a rifiutare l’invito in un ristorante cinese, nonostante i piatti siano conditi e ipercalorici.

Miriam dà la scossa alla vita di Rachel, dandole una nuova prospettiva e nuovi desideri, e la mette di fronte all’ipocrisia del suo luogo di lavoro… continua a leggere