Cambiare l’acqua ai fiori di Valérie Perrin

recensione-cambiare-l'acqua-ai-fiori-valérie-perrin

Violette Toussaint fa la guardiana di un cimitero in una piccola cittadina della Borgona.
I suoi compiti, oltre a tenere in ordine lapidi e seguire le sepolture, comprendono nell’occuparsi dei visitatori: accompagnarli alle tombe dei propri cari, ma anche offrire loro una bevanda e un orecchio pronto all’ascolto in quel momento difficile.
Un giorno un poliziotto arrivato da Marsiglia bussa alla sua porta per chiedere informazioni su un uomo sepolto nel cimitero: sua madre, recentemente scomparsa, ha espresso la volontà di riposare con questo sconosciuto per l’eternità.
Da questo incontro la trama si sviluppa, portandoci a conoscere profondamente Violette, tramite rapporti e storie di vivi e di morti che si intrecciano inaspettatamente… continua a leggere

Lettura bruciata: Regalami una favola – Hester Browne

libro-bruciato-regalami-una-favola

Amy è una giardiniera appena trasferita a Londra dal suo paesino di provincia dello Yorkshire.

Grazie alla sua amica Jo, Amy si ritrova immersa nell’alta società londinese e il destino la porta a incontrare e innamorarsi, senza saperlo, di un bellissimo principe, come nelle favole… continua a leggere

Vardø – Dopo la tempesta di Kiran Millwood Hargrave

recensione-vardø-Kiran-Millwood-Hargrave

La vigilia di Natale del 1617 porta con sé una misteriosa tempesta che colpisce le coste di Vardø.

Il mare si ingrossa in un secondo, inghiottendo barche da pesca e uomini e, veloce com’era comparsa, la tempesta svanisce nel nulla.

A Maren, così come a tutte le donne di Vardø, non resta che annegare il dolore e cercare di sopravvivere.

Quando arriva la primavera, le provviste sono finite e spinte dalla necessità le donne devono andare a pescare, badare agli animali e coltivare i campi, compiti in cui affiancavano gli uomini o che non svolgevano.

Questo modo di fare, però, attira occhiate malevole, soprattutto dal nuovo sovraintendente appena trasferito dalla Scozia… continua a leggere

Nevernight – Alba Oscura (3) di Jay Gristoff

recensione-nevernight-3-alba-oscura-i-jay-kristoff

Il piano di Mia per assassinare Duomo e Scaeva ha funzionato e Mia è riuscita a scappare dal palco dei Grandi Giochi.

Mia ha vinto, dopo anni di preparazione, finalmente è riuscita a vendicarsi per la sua famiglia.

Quello che Mia ancora non sa è che faceva tutto parte del piano di Scaeva: quello che ha pugnalato al cuore è solo un sostituto.

Mia si ritrova intrappolata nella città di ossa, Mercurio è stato fatto prigioniero dalla Chiesa Rossa e ogni speranza sembra sfumare.

Mia è sfinita dai grandi giochi, accerchiata dai nemici e ancora non ha scoperto il terribile segreto nascosto sotto la città.

Un segreto che la riguarda in prima persona e che cambierà completamente il corso della sua vita… continua a leggere

Il destino di una fata di Elisabetta Gnone

recensione-il-destino-di-una-fata-elisabetta-gnone

Il nostro ritorno a Fairy Oak questa volta è diverso dal solito: non siamo guidati da uno dei protagonisti della storia, ma è l’autrice in persona che ci racconta alcuni degli avvenimenti a cui non avevamo mai assistito.

Ci svelerà segreti che solo lei sa dei personaggi che abbiamo imparato a conoscere negli anni, ripartendo proprio dall’inizio di questa storia: l’arrivo di Felì a Fairy Oak e la nascita di Vaniglia e Pervinca continua a leggere

Nevernight – I Grandi Giochi (2) di Jay Kristoff

recensione-nevernight-2-i-grandi-giochi-jay-kristoff

Dopo la quasi disfatta della Chiesa Rossa, il Signore delle Lame, in persona aveva battezzato Mia Corvere, appena prima di perdere la sua stessa vita.

La sua posizione all’interno della congrega di assassini, però, è fragile, molti Shahiid della Chiesa non sono d’accordo con la sua presenza, ma devono accettarla a seguito delle grosse perdite subite.

Durante una missione, però, Mia si ritrova a dubitare dell’operato della Chiesa Rossa, ormai completamente corrotta dal denaro e dal potere.

Fedele solo alla sua promessa di vendetta, Mia si dedica alla sua missione che la porterà, schiava, in una scuderia di gladiatii ad addestrarsi per partecipare ai grandi giochi di Goodgrave… continua a leggere

La storia perduta di Elisabetta Gnone

recensione-la-storia-perduta

Torniamo nel villaggio delle gemelle Vaniglia e Pervinca Periwinkle.

Questa volta, però, non sarà Felì a farci da narratrice, bensì proprio Pervinca e Vaniglia ormai nonne che si guardano indietro e ripensano alla loro infanzia.

In particolare, torniamo in quello che verrà ricordato come l’anno della balena.

I giovani abitanti di Fairy Oak sono alle prese con un noioso insegnante di storia, ma vengono salvati dalla sua assenza dalla scuola e dalla sua sostituzione.
La nuova maestra, per movimentare un po’ le cose, assegna a tutti il compito di disegnare i propri alberi genealogici per scoprire chi ha fondato davvero la città: i magici della luce? Del buio? O i non magici?

Mentre scavano nel passato, i ragazzi fanno una scoperta strabiliante.

Una leggenda narra che a Fairy Oak era arrivata una balena e che sarebbe tornata ogni duecento anni.

Quanto tempo è passato dalla sua comparsa?

Riusciranno a vederla anche loro? continua a leggere

Maze Runner – Il veliero del labirinto di James Dashner

recensione-il-veliero-del-labirinto-james-dashner

Sono passati più di settant’anni dal fallimento della C.A.T.T.I.V.O., da quando Thomas, Minho e gli altri sopravvissuti sono stati mandati in salvo su un’isola deserta in attesa che l’Eruzione scomparisse naturalmente dalla faccia della terra.

I loro discendenti non hanno mai conosciuto il mondo antico, le città, la tecnologia e nemmeno le eruzioni solari, la distruzione e la malattia che le ha seguite.

Sull’isola è nata una nuova società che ha imparato a cavarsela e a prosperare solo con le risorse a loro disposizione, nell’attesa di tornare nel vecchio mondo.
Quel momento sembra giunto quando una nave attracca sulle loro coste.

L’Eruzione, però, non è stata debellata, anzi, il virus è mutato, evolvendosi in molte varianti.

La donna a bordo della nave ha affrontato quel viaggio estenuante per un solo motivo: nei geni dei discendenti dei Radurai c’è la chiave.

Solo grazie a loro si potrà trovare una cura.

L’unica speranza di salvare il vecchio mondo è nelle loro mani. continua a leggere

Nevernight – Mai dimenticare (1) di Jay Kristoff

Nella Repubblica di Itreya, Mia Corvere ha solo dieci anni quando perde tutta la sua famiglia, costretta ad assistere alla morte del padre, giustiziato per aver tramato alle spalle del Console Scaeva.

Sei anni dopo Mia è cresciuta insieme al suo desiderio di vendetta.

Per ottenerla, però, Mia dovrà entrare a far parte della Chiesa Rossa, la più pericolosa congrega di assassini dell’intera repubblica.

Le lezioni che precedono l’iniziazione sono dure solo pochi sopravvivono e ancora meno novizi potranno essere nominate Lame. continua a leggere

Il più grande spettacolo della terra di Richard Dawkins

recensione-il-più-grande-spettacolo-della-terra

In questa sua opera Richard Dawkins ritorna a puntualizzare come non sussistano prove a favore delle teorie creazioniste, sostenute da gran parte delle istituzioni e delle associazioni religiose di stampo Cristiano.

Dawkins non solo mostra le prove fossili dell’evoluzione, ma offre al lettore la possibilità di capire come con il semplice studio del DNA sia oramai possibile vedere con i propri occhi quello che egli definisce “l’albero della cuginanza” ovvero la parentela tra tutti gli esseri viventi.

Un bellissimo esempio mostrato da Dawkins è l’albero della vita di David M. Hillis, nel quale sono presenti le relazioni tra 3.000 specie viventi (stimate però a circa 10 milioni).

Dawkins chiarisce anche come l’espressione “anello mancante”, sia una trovata dei primi anti-evoluzionisti che o non avevano compreso l’evoluzionismo o hanno voluto diffondere delle semplici falsità.

Il darwinismo non sostiene, infatti, una discendenza dell’uomo dalla scimmia.

Queste due forme viventi discendono entrambe da un antenato comune, che non era né un uomo né una moderna scimmia.

Con l’espressione “anello mancante”, i primi anti-darwinisti solevano indicare la mancanza di resti fossili di un intermedio tra le scimmie e l’uomo.

Come detto sopra, tale intermedio non poteva essere trovato in quanto, come sosteneva Darwin, scimmie e uomo sono solo cugini, e nella storia evolutiva si sono separati 6 milioni di anni fa, derivando entrambi dallo stesso progenitore. continua a leggere