Dal libro al film: La ballata dell’usignolo e del serpente

la-ballata-dell'usignolo-e-del-serpente

Dal libro al film:
La ballata dell’usignolo e del serpente

La ballata dell’usignolo e del serpente è il prequel di Hunger Games scritto da Suzanne Collins, uscito nel 2020.

La saga principale, invece, formata da Hunger Games, La ragazza di fuoco e Il canto della rivolta usciti, in Italia, tra il 2008 e il 2010.

Pochi anni dopo la saga è diventata famosissima grazie alle trasposizioni cinematografiche in quattro film.

Esattamente come la trilogia, anche La ballata dell’usignolo e del serpente arriva al cinema, quindi noi siamo qui a vedere che cosa cambia dal libro al film.

Prima di partire, vi lascio la recensione e il riassunto.

Differenze

Se non avete voglia di leggere, vi lascio la versione video Dal libro al film: La ballata dell’usignolo e del serpente!


Partiamo, ovviamente, dall’inizio, con questa visione di Capitol durante la rivolta.

  • Nel romanzo, in realtà, partiamo subito con Snow adolescente e scopriremo pian piano come si viveva durante quegli anni bui.

Nel film, tra l’altro, non si capisce benissimo come fosse Capitol prima della rivolta portata avanti dal 13.

Sappiamo che non c’erano gli Hunger Games, ma il resto lo dobbiamo immaginare.

  • Capitol City, in realtà, prima della rivolta era molto simile a come la vediamo nella trilogia principale.
    • Molto sfarzo, molto spreco e i distretti nella completa povertà.
      • Esistevano anche i Senza Voce, ovvero persone dei distretti che dopo aver commesso qualche crimine erano stati mandati a Capitol a fare da servitori e a cui era stata tagliata loro la lingua.
  • Sappiamo che dopo la guerra agli Snow era rimasto solo il proprio nome.
    • Questo anche perché avevano investito proprio nel Distretto 13.

Possiamo volare direttamente all’estrazione di Lucy Gray, visto che il romanzo e il film sono molto simili.

Anche la mietitura è piuttosto simile, in realtà:

  • estraggono il nome di Lucy Gray, senza sorprese, lei mette un serpente nel vestito della figlia del sindaco e si prende una sberla da quest’ultimo che verrà portato via dai pacificatori.
    • Nel film Lucy corre al microfono e inizia a cantare, nel romanzo, invece è il pubblico che inizia a cantare e Lucy Gray si impossessa del microfono.
      • Tuttavia, i pacificatori non la lasciano finire la canzone, tornano subito e la fermano.

E noi torniamo a Capitol City, dove Snow vede uno spiraglio in una ragazza di un distretto disagiato.

Nel film viene chiesto spesso perché ci sono i giochi, ma non ci viene data la risposta alla domanda: perché si chiamano Hunger Games?

  • Per vendetta.
  • Infatti, appunto, erano i distretti a rifornire di cibo Capitol City e una delle prime cose che hanno fatto con la rivolta è stato tagliare i rifornimenti, costringendoli a morire di fame.
    • Infatti nella prima scena vediamo un uomo che taglia la gamba a un cadavere.
      • Finita la rivolta, i distretti sono stati lasciati in una condizione di fame e miseria ancora peggiore di quella precedente.
      • Gli Hunger Games hanno avuto inizio e per tutto il tempo dalla mietitura alla fine dei giochi, ai tributi non veniva dato niente da mangiare.
        • In pratica morivano di fame, la questione “ammazzarsi a vicenda” era secondaria.
  • La gabbia allo zoo, in realtà, è una novità della decima edizione.
    • Gli anni precedenti venivano portati dentro degli alloggi, immagino senza troppi sfarzi… tipo un letto vero.
      • La mattina successiva i tributi entravano così com’erano nell’arena e i giochi avevano inizio.
    • Snow, quindi, pensava di accompagnare Lucy Gray agli alloggi, non aveva la minima idea di ritrovarsi allo zoo.
  • Oltre ai mentori, a portare del cibo ai tributi sono anche gli abitanti di Hunger Games, proprio per questo pensano che possano portare le persone a scommettere.

Dopo l’esplosione dell’arena, Snow passa la notte in infermeria.

La sua compagna di corso, Clementia, aveva già fatto la conoscenza coi serpenti della dottoressa Gaul. Dopo di che di lei non ne abbiamo più saputo nulla.

  • Quella notte Clementia va da lui.
    • È in crisi e dice che la Gaul sta cercando di ucciderla, che si sta trasformando in un serpente.
      • Un dottore la porta via e dice a Snow di non preoccuparsi, quelli sono solo gli effetti collaterali del veleno, ma che si riprenderà.

Non la vedremo mai più.

  • Ci sono altre riunioni tra i mentori e la capostratega e vediamo molte più parti di lezione, rispetto a quanto hanno riportato nel film.
    • Discutono dei giochi, per esempio, e Seianus continua le sue invettive sul fatto che non è giusto che loro si annoverino il diritto di privare della libertà e della vita delle persone solo perché hanno vinto la guerra.
  • La Gaul assegna anche un tema su “Cosa vi è piaciuto della guerra”.
    • Molti dei mentori sono sconvolti dal fatto che possa anche solo esistere un titolo del genere, Snow, invece rimane del tutto impassibile e, anzi, ha già idea di cosa scrivere.

Indubbiamente a Coriolanus importa di Lucy Gray anche nel romanzo, ma per tutto il tempo, essendo nella sua testa, vediamo che il suo interesse è più che altro di convenienza.

  • Coriolanus, ad esempio, non va a farsi il giro nell’arena dopo l’esplosione per dare suggerimenti a Lucy Gray.
    • Sarebbe troppo pericoloso intrufolarsi così, sarebbe troppo facile da cogliere in flagrante e non ne varrebbe la pena.
      • Le consegnerà la cipria solo perché era convinto che nessuno potesse beccarlo.

Come nel film, veniamo a sapere che Lycy Gray è una covey, quindi non esattamente una dei distretti.

  • Nel romanzo, Snow sfrutta questo fatto per parlare di lei come se non fosse davvero una dei distretti e avvicinarla di più ai cittadini di Capitol City.
    • Infatti ha il triplo degli sponsor rispetto agli altri tributi e proprio per questo le dice di nascondersi perché coi doni ha molte più probabilità di sopravvivere.
  • Visto che Lucy Gray e Jessup hanno deciso di collaborare, fanno così anche Snow e la sua mentore fin dall’inizio e dividono i doni degli sponsor.
    • Anche lei, comunque, si chiede se i giochi siano giusti e se abbia senso continuare a punire i distretti in questo modo.

I decimi Hunger Games partono e, come nel film, Marcus, il tributo del due che aveva provato a scappare, è stato praticamente crocifisso nell’arena, ancora in vita.

  • Prima che mostrino l’arena, Hightbottom suggerisce a Snow di far sedere il suo Seianus vicino alla porta.
    • Infatti, come nel film, non appena vede il suo amico coi denti rotti, completamente sporco di sangue e appeso lì, lancia via la sedia e se ne va.
  • Nella sala dei mentori non ci sono telecamere che li riprendono tutto il tempo.
    • I mentori devono rilasciare delle interviste quando il loro tributo muore, mentre la dottoressa Gaul e Higtbottom commentano i giochi con Flickerman più spesso.
  • Quando i giochi cominciamo, non c’è la lotta cruenta che vediamo nel film.
    • Scappano e si nascondono tutti.
    • Trascorrono ore di noia.
      • L’unico avvenimento di quella prima giornata è la ragazza del 5 va a dare il colpo di grazia a Marcus.
    • Infine, un ragazzino muore di tubercolosi.
      • Non la ragazza che nel film in realtà ha bevuto il veleno per topi di Lucy Gray a giochi già avanzati.
  • A fine giornata, i mentori tornano a casa, così come il presentatore.
    • A casa sua, Snow trova la madre di Seianus che non sa dove sia finito suo figlio.
      • Il mistero rimane finché loro stessi non lo vedono in televisione che sta spargendo del pane sulla salma di Marcus.

Come nel film, la capo stratega ordina a Snow di tirare fuori Seianus.

  • Snow entra nell’arena armato di spray urticante, un flash e con un giubbotto antiproiettile.
  • Seianus si convince, ma vorrebbe portare fuori anche il corpo di Marcus.
    • Corpo che alla fine abbandona quando li attaccano.

La loro uscita dall’arena, compresa la morte del tributo, è molto simile al film.


Noi nel romanzo seguiamo solo Coriolanus, quindi tutto quello che accade dentro l’arena lo vediamo solo dalle telecamere e solo quando lui sta guardando.

Inizia il secondo giorno.

  • Non sappiamo cosa sta succedendo a Lucy Gray, finché non la vediamo correre via da Jessup la mattina del secondo giorno.
    • Lucy Gray riesce a trovare riparo sulle macerie e Jessup non riesce a raggiungerla.
  • I droni non sono praticamente armi di sterminio di massa.
    • Infatti, Snow, sentendosi impotente, decide di mandare almeno dell’acqua a Lucy, ma Jessup intercetta il drone, la bottiglia si rompe e dà di matto.
      • A questo punto è la mentore di Jessup che si offre di mandargli altra acqua per farlo spaventare e salvare Lucy Gray.
        • Quando i tributi muoiono, come abbiamo detto, i loro mentori rilasciano un’intervista.
          • A Capitol c’era già chi diceva che era colpa dei distretti di aver portato la rabbia, malattia che si era diffusa durante la rivolta.
            • La mentore di Jessup dice che lo aveva morso un procione allo zoo, non aveva portato la malattia dal 12.
              • Quindi niente pipistrello nel treno, un bel procione autoctono di Capitol.

E anche il secondo giorno si conclude.

Mancano ancora 9 tributi.


  • Alla fine del terzo giorno Coriolanus viene chiamato nei laboratori.
    • Questo perché uno dei ragazzi feriti durante l’esplosione è morto e la Gaul lo dice a Snow perché almeno uno degli studenti abbia qualcosa di intelligente da dire quando li intervisteranno.
      • per caso vede che la gabbia dei serpenti è pronta per il trasporto e capisce che la vogliono mandare nell’arena.Senza neanche pensarci, lascia cadere nella gabbia il suo fazzoletto.
        • Praticamente si ritrova con il fazzoletto appallottolato in mano, da le spalle alla telecamera e tocca la teca come se fosse affascinato dai serpenti e lo lascia cadere dentro.
  • Dopo quella mossa vaga in ansia fino a casa di Seianus, da cui spera di ricevere un ringraziamento per averlo salvato.
    • Ringraziamento con soldi, si intende.
      • Lo congedano con a malapena una stretta di mano e il padre di Seianus che gli dice che gli ricorda suo padre, ma senza l’odio viscerale per i distretti.

Ancora una volta, si nascondono tutti: non vediamo Lucy Gray che si arrampica nel tunnel, che sfugge dai favoriti.


Parte il giorno 4 nell’arena.

  • La ragazza dell’8 esce per la prima volta dal suo nascondiglio con una bottiglia d’acqua vuota.
    • Il suo mentore le manda altra acqua.
      • Noi non abbiamo visto niente prima e, come tutti gli altri, la guardiamo prendere una bottiglia nuova, bere un sorso e collassare a terra.
        • Snow pensa che sia stata Lucy Gray ad avvelenarla.
          • Un altro tributo sembra sospettare qualcosa perché porta via il corpo, ma lascia lì il cibo.
  • In questo momento danno l’annuncio a Capitol City del ragazzo morto dopo le esplosioni e la Gaul dice che ci saranno delle conseguenze.
    • I serpenti vengono calati.

La scena è molto simile al film.

  • Un ragazzo muore subito.
  • Un’altra corre nei tunnel, ma non ce la fa a sfuggire dai serpenti.
  • Invece Lucy Gray esce dal tunnel che già sta cantando con i serpenti che la seguono ubbidienti.
    • Coriolanus non insiste così tanto per farla uscire anche perché non era l’ultima.
      • Dopo i serpenti, infatti, sono rimasti ancora tre tributi.
        • Quando cala la notte e finisce anche la quarta giornata di Hunger Games la Gaul viene intervistata e ricorda che quella giornata deve essere dedicata al ragazzo che è morto.
          • Il presentatore, infatti, dice che ha ragione e che si terranno lo spettacolo dato da Lucy Gray per il giorno successivo.
  • Quella notte viene a piovere e i serpenti si disperdono così.
    • Lucy Gray esce a bere da una pozzanghera e Snow le manda del cibo.
      • Si avvicina a vedere i corpi che sono stati messi in ordine, come nel film, e si rende conto che rimangono in tre.
        • In quel momento viene attaccata da uno degli altri, ma ha ancora un serpente nascosto nel vestito e così ha la meglio sul terzultimo tributo.
          • Infine rimangono solo lei e Mortifer, ovvero quello che ha messo in ordine i cadaveri.
            • Lui non ha accettato cibo dalla sua mentore che poi ha smesso di mandargli, quindi Lucy si limita a correre e a farsi inseguire, finché Mortifer non stramazza a terra.
  • Snow e Lucy vincono.
    • Sembra tutto molto bello, ma Snow viene chiamato dal rettore che gli mostra il suo fazzoletto e il portacipria e il tovagliolo con cui aveva avvolto il cibo di Lucy Gray prima che entrasse nell’arena.
  • E così, come nel film, viene mandato nel 12 come pacificatore.

  • Seianus non è nel treno con lui, ma arriva dopo.
    • Snow si era già depresso dei vent’anni di servizio obbligatorio e stava pensando di farla finita, visto che non avrebbe retto alla vergogna.
      • Seianus, tra l’altro, aveva evitato l’espulsione grazie al padre che aveva pagato una palestra, ma si era rifiutato di accettare il diploma a meno che non fosse stato concesso anche a Snow.
        • Quindi Snow si è laureato solo grazie a Seianus, se no lo avrebbero espulso.
          • Senza diploma non sarebbe potuto diventare neanche ufficiale.

Coriolanus si mette l’anima in pace e decide di continuare la sua vita nel 12.

  • Non vede Lucy cantare per sbaglio nel locale.
    • Dei suoi commilitoni gli avevano detto che c’era questa ragazza che ci si esibiva e che si chiamava Lucy qualcosa.

Lucy Gray lo nota e gli dedica anche una canzone e parte la rissa, come nel film.

  • Non scappano subito per non farsi coinvolgere, anzi fanno il loro lavoro e accompagnano anche a casa la figlia del sindaco.
  • Il giorno dopo va nella zona del giacimento dove, tra l’altro, abiterà anche Katniss a trovare Lucy Gray.
    • Qui la sorellina di Lucy Gray, Maude Ivory, gli racconta che sono riusciti a guardare gli Hunger Games solo un giorno, perché la tv non funzionava.
      • Aggiunge che comunque erano fortunati, perché in pochi avevano la tv.

La domanda mi sorge spontanea: se vuoi punire i distretti come fai se manco possono vedere i giochi?

  • Lo pensa anche Snow e lo riferirà a Capitol.
  • In questo primo incontro, Lucy Gray sta cantando la canzone dell’albero degli impiccati.
    • Oltre alla canzone dell’albero dell’impiccato, quando vanno al lago, Lucy Gray chiede a sua sorella di cantare e la canzone è proprio quella che Kaniss canta a Prim nella prima scena.
      • Si pensa, infatti, che Katniss, attraverso suo padre, sia imparentata proprio con Maude Ivory.
  • Già da qui ci sono tantissimi riferimenti al fatto che Snow consideri Lucy Gray una sua proprietà, fin da quando erano iniziati gli Hunger Games.
    • Lei era il suo tributo, apparteneva a lui e Billy taupe doveva farsene una ragione e pensa di farlo arrestare.
      • Pensieri super tossici.

  • Snow vede Seianus parlare con Billy Taupe e che gli sta facendo un disegno della base.
    • In questo momento scopre che la Gaul lo aveva difeso, al contrario di quanto avesse fatto con Seianus perché lui aveva tradito Capitol.
      • Decide di ricambiare il favore scrivendole per parlare di cosa sta imparando nel 12.
  • Abbiamo visto che le ghiandaie Chiacchierone erano state liberate da Capitol.
    • In teoria tutti gli ibridi erano maschi, così che non si sarebbero riprodotti in natura.
      • Tuttavia, avevano trovato le femmine di Mimo e si erano accoppiate con loro.
        • Entro qualche anno tutte le chiacchierone sarebbero dovute morire e avrebbero scoperto se le imitatrici si sarebbero riuscite a riprodurre da sole.
          • Noi, sessantacinque anni dopo, abbiamo la risposta.
    • Era stato lui a proporre di uccidere le chiacchierone, ma prima ne devono catturare alcune da rimandare a Capitol per studiarle.
      • Quando arrivano gli scienziati, lui viene scelto per far parte della squadra e sovraintendere la raccolta.
        • È parlando con la dottoressa nel 12 che scopre come funzionano le chiacchierone.
          • Attraverso dei suoni specifici si attivano nella modalità registrazione o di ripetizione.
          • Una volta liberate registrano per un’ora.
          • Sono attratte dalle voci umane.
            • Quindi venivano attivate, lasciate nel bosco e richiamate a notte fonda.
              • In teoria i ribelli non si sarebbero accorti di nulla, invece non è andata così.
  • Le ghiandaie sono anche motivo di lite con Lucy Gray perché lei trova che sia crudele catturarle così.
  • Quella sera, quando ascolta la canzone di Lucy Gray, la trova brutta.
    • Si chiede come fare a parlarne bene.
      • Più avanti quando si occuperà delle ghiandaie, pensa che non ne può più di musica.
        • Insomma, una personcina deliziosa.

  • Seianus va di sua spontanea volontà da Snow per confessargli quello che sta per fare.
    • In quel momento, Snow nasconde una ghiandaia e senza che l’amico se ne renda conto, registra e, come nel film, la manderà a Capitol, sperando che la trovino.

E arriviamo alla scena in cui Seianus si sta mettendo d’accordo coi ribelli, Snow spara all’ex di Lucy Gray.

  • Pochi giorni dopo trovano i cadaveri e arrestano Seianus.
    • Snow pensa che abbiano trovato anche le armi e, di conseguenza, anche le sue impronte.
      • Lo chiama il comandante, ma solo per dirgli che hanno trovato la ghiandaia e che vuole complimentarsi con lui.
  • Lucy e Snow non si incontrano in un vicolo, ma si vedono il giorno dopo alla festa di compleanno del comandante, visto che Lucy si esibisce.
    • Come nel film, è preoccupata perché il sindato è convinto che sia lei la colpevole.
  • Snow si sveglia all’alba per raggiungere Lucy Gray, ma lo chiama il comandante per dirgli che il giorno dopo sarebbe partito per la scuola da ufficiali.
    • Come nel film, però, i fucili sono ancora in giro, quindi decide di scappare con lei.
    • Nel film non si capisce bene, ma dopo tre ore arrivano al lago, devono pescare, cercare vermi nel fango, ripararsi dalla pioggia e accendere il fuoco.
      • Insomma Snow si è già pentito delle sue scelte.

Da qui il film è identico.

Un serpente morde Snow quando solleva lo scialle di Lucy Gray, mentre lei si nasconde.

Spara al vuoto e non sa se l’abbia uccisa o meno, ma torna al distretto.

  • Quando arriva a Capitol, la dottoressa Gaul gli dice di aver fatto sparire tutte le registrazioni della decima edizione perché la capitale appariva troppo debole, ma che molte idee le possono tenere per le edizioni future.
    • Questo spiegherebbe perché Lucy Gray non viene mai nominata quando si parlerà delle edizioni passate nella trilogia principale.
  • Snow dice tutto quello che ha imparato, come per esempio che nei distretti i giochi non sono guardati.
    • E la Gaul confessa che lo ha mandato apposta un mese nei distretti, prima di fargli iniziare la sua carriera universitaria, per fargli vedere le condizioni.

Qui si conclude il prequel di Hunger Games, ovvero La ballata dell’usignolo e del serpente.

Voi avevate già letto i romanzi prima di andare al cinema? O siete fan solo dei film e avete appena scoperto un mondo?

Ditemi se mi sono dimenticata qualcosa e, in generale, cosa ne pensate, qui sotto nei commenti.

Potete leggere anche:
Dal libro al film: Hunger Games
Dal libro alla serie: Tenebre e Ossa – Stagione 2 (Puntata 1)
Recensione: La Ballata dell’Usignolo e del Serpente – Suzanne Collins

Se l’articolo vi sembra interessante, condividetelo e commentate, e per non perdervi altri contenuti seguitemi su YoutubeFacebookInstagram, su TikTok sugli altri social che trovate sulla destra o in alto!

Vi lascio anche la mia pagina Ko-fi e qui sotto trovate anche i miei link di affiliazione, se volete aiutarmi a sostenere questo progetto.

Alle.


suzanne-collins-la-ballata-dell'usignolo-e-del-serpente
La ballata dell’usignolo e del serpente – Amazon, Feltrinelli, Mondadori, Ibs, Il Libraccio

No votes yet.
Please wait...

Informazioni su Alle

Ciao, mi chiamo Allegra. Leggo da quando ho memoria, anche se, devo ammettere che inizialmente guardavo solo le figure. Alcuni anni fa ho creato Libri, Sogni e Realtà, un blog in cui parlare di libri, film e serie tv, principalmente che non mi sono piaciuti e in cui mostro le differenze di molte trasposizioni cinematografiche. Da pochi mesi ho aperto anche un canale Youtube in cui affronto argomenti simili.
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *