Il mio cuore cattino di Wulf Dorn

recensione-il-mio-cuore-cattivo-wulf-dorn

Recensione: Il mio cuore cattivo di Wulf Dorn

Casa Editrice: Tea Edizioni
Pubblicazione: 
2015
Genere: thriller psicologico
Pagine: 347
Dove trovarlo: Amazon, Feltrinelli, Mondadori, Ibs, Il Libraccio, Kobo

Wulf Dorn è uno scrittore tedesco che ha lavorato per anni come logopedista nel reparto psichiatrico.

Abbiamo già conosciuto questo autore per il suo best-seller La psichiatra, pubblicato nel 2010.

Successivamente ha pubblicato molteplici titoli, l’ultimo, L’ossessione è uscito nel 2021.

Trama

Dorothea ha appena perso suo fratello minore.

É stata lei a trovare il corpo e, dopo il trauma, Dorothea ha completamente rimosso l’intera nottata che ha preceduto l’incidente.

L’unico brandello di memoria: una telefonata che l’ha completamente sconvolta.

Dopo l’incidente, Doro inizia a venire perseguitata dalla visione del suo fratellino fino ad avere bisogno di un ricovero nel reparto psichiatrico…

Commenti e critiche

Una delle più grandi differenze con gli altri libri dell’autore è l’uso della prima persona nella narrazione. A raccontare l’intera vicenda è la voce di Dorothea.

Personalmente non apprezzo particolarmente questo metodo perché ho sempre in testa la domanda: “Ma con chi sta parlando?”, che puntualmente non trova risposta.

Ci sono due o tre punti nel corso del libro in cui la protagonista si rivolge direttamente al lettore, tuttavia non viene fatto in maniera sistematica per tutto il libro, ma così in modo casuale che diventa quasi snervante.

Dorothea soffre di sinestesia, ovvero ha la capacità di vedere i colori delle persone, dei suoni, delle emozioni. Tuttavia, questa sua capacità eccezionale non viene rappresentata al meglio.

Nonostante la storia ci viene raccontata direttamente da Dorothea le descrizioni non spiccano minimamente e la rappresentazione dei colori è comune, come se, appunto, li vedesse come chiunque altro.


Come altri titoli di Dorn, anche in Il mio cuore cattivo arriviamo a una svolta nel finale che spiega tutta la trama, ma durante tutto il romanzo non sono riuscita a farmi trasportare dai personaggi e per questo motivo non mi sono interessata più di tanto alla conclusione.


Ho notato, inoltre, una certa non curanza nella versione italiana.

Ho trovato alcuni errori di battitura, concordanze sbagliate e la traduzione italiana ogni tanto stride. La parola “finalmente”, ad esempio è stata usata in frasi in cui sarebbe stato più appropriato scrivere “Una buona volta”.

“Smettila, finalmente!”, invece di “Smettila per una buona volta”.

In conclusione

Tra tutti quelli che ho letto finora di Dorn, Il mio cuore cattivo non solo è il meno interessante, ma è anche il meno curato dei romanzi.

Voi lo avete letto? Conoscete altri libri di questo autore?

Fatemelo sapere nei commenti

Per questo articolo è tutto, se avete letto il libro scrivete qui sotto che cosa ne pensate. Ditemi cosa ne pensate qui sotto, oppure nella mia pagina Facebook o su Instagram.

Se ancora non mi seguite, andate subito a iscrivervi al canale Youtube.

Potete leggere anche:
La psichiatra di Wulf Dorn
Recensione: Voglio vederti soffrire di Cristina Brondoni
La serie della Ghostwriter di Alice Basso

Vi lascio anche la mia pagina Ko-fi e qui sotto trovate anche i miei link di affiliazione, se volete aiutarmi a sostenere questo progetto.

Alle.


recensione-il-mio-cuore-cattivo-dorn
Il mio cuore cattivo – Amazon, Feltrinelli, Mondadori, Ibs, Il Libraccio, Kobo
No votes yet.
Please wait...

Informazioni su Alle

Ciao, mi chiamo Allegra. Leggo da quando ho memoria, anche se, devo ammettere che inizialmente guardavo solo le figure. Alcuni anni fa ho creato Libri, Sogni e Realtà, un blog in cui parlare di libri, film e serie tv, principalmente che non mi sono piaciuti e in cui mostro le differenze di molte trasposizioni cinematografiche. Da pochi mesi ho aperto anche un canale Youtube in cui affronto argomenti simili.
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.