Fame – Roxane Gay

parliamone-fame-roxane-gay

Parliamone: Fame – Storia del mio corpo di Roxane Gay

Titolo originale: Hunger – A Memoir of (my) Body
Casa Editrice: 
Einaudi
Pubblicazione: 
2017
Genere: Memoir, biografia
Pagine: 267
Dove trovarlo: AmazonFeltrinelliMondadoriIbsIl LibraccioKobo

Roxane Gay è una scrittrice, professoressa e attivista americana di origini haitiane.

Ha scritto fin dall’adolescenza, iniziando da racconti di fantasia, per arrivare in età adulta a parlare della propria esperienza personale.

Nel 2014 ha pubblicato il suo primo libro, An Untamed State, ma è conosciuta principalmente per Bad Feminist, sempre dello stesso anno, e per Fame – Storia del mio corpo uscito nel 2017.

Inoltre, è autrice di numerosi saggi per il New York Times.

Trama

Fame – Storia del mio corpo è un memoir nel quale Roxane affronta il suo corpo, vero e proprio protagonista dell’intero libro. 

Parla di ciò che l’ha portata a rendere tale il proprio corpo, delle violenze subite e delle strategie che ha messo in atto per fronteggiarle, ma che si sono rivelate un’arma a doppio taglio.

Affronta i suoi sentimenti verso il proprio corpo e anche quelli che prova la società in relazione a lei, ma soprattutto in relazione al suo corpo.

Si sente forte, ma allo stesso tempo intrappolata in una gabbia. La fame che Roxane Gay sente è qualcosa di incontrollato, subito, ma allo stesso tempo è ciò che le dà la forza per andare avanti, scrivere, lavorare e mostrarsi al mondo fiera di quello che è.

Parliamone

Come in ogni articolo di questo genere, vi ricordo che non si tratta di una recensione, parliamone è un discorso, o meglio un flusso di coscienza, che mi permetterà di esprimere tutto quello che mi passa per la testa riguardo a quest’opera.

In questo caso, però, tutto quello che mi è passato per la testa lo troverete in questo video:

 

Video che occupa già una discreta quantità di minuti, quindi in questo articolo trovate la sua versione breve e condensata. Se siete curiosi di approfondire, cliccateci sopra e seguitemi su Youtube!


Ho trovato Fame un libro molto denso e pieno di spunti di riflessione: il modo in cui le persone si sentano legittimate a commentare il corpo altrui, come la società abbia spinto per anni modelli troppo rigidi e come ancora tratta i disturbi alimentari come un buon argomento per creare uno show.

Questo elenco è solo una piccola parte di tutto ciò che affronta Roxane Gay in Fame, tuttavia mi è sembrato che con questo libro, l’autrice non si sia davvero data uno scopo.

Certo, il fine sembra quello di raccontare al mondo il motivo per cui ha iniziato a mangiare compulsivamente, con la conseguenza di assumere molti chili.

Ma perché

Si tratta del punto di partenza per lavorare su sé stessa e affrontare i problemi psicologici che l’hanno portata fin lì?

Assolutamente no.

La maggior parte dei capitoli servono a mostrare quanto la società sia ingiusta, quanto le persone attorno a lei si dimostrino maleducate solo perché è obesa, di come esistano doppi standar basati sul peso di qualcuno.

Questo libro ha il fine ultimo di permetterle di sentirsi giustificata a essere come è, anche se è lei in prima battuta a non vivere bene, a sentirsi costantemente intrappolata dal proprio corpo e a non poter fare molte attività a causa del peso.

Roxane Gay per tutto il libro proietterà la causa dei suoi sentimenti negativi su qualun altro, senza mai affrontare il vero problema, senza mai arrivare a una conclusione degna di questo nome.

Dal mio punto di vista, quindi, questo memoir, per quanto sia un interessante studio di caso, non fa altro che alimentare i sentimenti di odio nei confronti degli altri che persone con queste problematiche provano già.

Roxane Gay esagera in alcuni punti, il discorso diventa estremamente vittimistico e atto solo a portare il lettore dalla propria parte.

È un modo discutibile e anche pericoloso di raccontare una storia, soprattutto quando sai che molte persone potranno leggerla.

In conclusione

Non consiglierei questo libro a meno che non stiate studiando i disturbi alimentari.

L’autrice si contraddice in alcuni punti, non cita i dati neanche quando parla di quelle che dovrebbero essere nozioni scientifiche, il che la porta a creare un discorso complottista.

Non ne vale la pena.

Ci sono molti altri libri migliori al mondo che aspettano le vostre attenzioni.

Per questa recensione è tutto, se avete letto il libro scrivete qui sotto che cosa ne pensate. Ditemi cosa ne pensate qui sotto, oppure nella mia pagina Facebook o su Instagram.

Se ancora non mi seguite, andate subito a iscrivervi al canale Youtube!

Potete leggere anche:
Come le cicale – Fiore Manni
La nona casa – Leigh Bardugo
Dimmi chi ami e ti dirò chi sei – Levine e Heller

Vi lascio anche la mia pagina Ko-fi e qui sotto trovate anche i miei link di affiliazione, se volete aiutarmi a sostenere questo progetto.

Alle.


 


No votes yet.
Please wait...
Voting is currently disabled, data maintenance in progress.

Informazioni su Alle

Ciao, mi chiamo Allegra. Leggo da quando ho memoria, anche se, devo ammettere che inizialmente guardavo solo le figure. Alcuni anni fa ho creato Libri, Sogni e Realtà, un blog in cui parlare di libri, film e serie tv, principalmente che non mi sono piaciuti e in cui mostro le differenze di molte trasposizioni cinematografiche. Da pochi mesi ho aperto anche un canale Youtube in cui affronto argomenti simili.
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *