Recensione: Una stanza piena di gente – Daniel Keyes

recensione-una-stanza-piena-di-gente

Recensione: Una stanza piena di gente di Daniel Keyes

Titolo originale: The Minds of Billy Milligan
Pubblicazione:
ottobre 1981
Casa Editrice: Nord
Genere: Biografia
Pagine: 541
Dove trovarlo:  AmazonFeltrinelliMondadoriIbsIl LibraccioKobo

Una stanza piena di gente, libro del 1981, dello scrittore Daniel Keyes, autore anche di Fiori per Algernon.

Daniel Keyes ha raccontato la storia di William Stanley Milligan, l’uomo dalle ventiquattro personalità e che ha ispirato il film Split.

Trama

Nell’ottobre del 1977 la polizia di Columbus, nello stato dell’Ohio, arresta Billy Milligan per aver rapito, violentato e rapinato tre studentesse universitarie.

Billy aveva già dei precedenti penali; il ragazzo sembra confuso e spaventato e durante la perizia psicologica emergono dei fatti incredibili.

All’interno della sua mente vivono ben dieci personalità distinte che interagiscono tra loro, prendono decisioni e tengono al sicuro e lontano dalla coscienza Billy.

Commenti e critiche

Si tratta di una storia incredibile, molto più che straordinaria.

Nonostante avessi iniziato il libro ben consapevole del fatto che si trattasse di una storia vera, è stato molto complicato tenere a mente questo fatto.

La vita di Billy Milligan sembra uscita dalla penna di un visionario; se fosse in un romanzo, non risulterebbe realistica.

Superata la parte delle ventiquattro personalità che coabitano nello stesso corpo, però, si tratta pur sempre di una biografia di una persona realmente esistita.

Quindi ci sono molte parti che si ripetono, anni in cui gli avvenimenti non sono molto esaltanti, ma che vanno raccontati per far capire come si sia evoluta la persona e la sua storia.

Daniel Keyes ha deciso di partire dall’arresto, affrontare il processo, per poi andare a conoscere la sua infanzia e tornare agli anni successivi fino alla pubblicazione del libro.

Questo intreccio permette al lettore di avere un piccolo stacco tra la fine del processo e tutto ciò che succede successivamente: gli anni di reclusione che si susseguono un giorno molto simile all’altro e passando da uno psicologo all’altro.

Gli anni della sua infanzia e adolescenza: gli anni in cui le personalità si rendono conto di esistere e di non essere sole, sono tra i più interessanti in assoluto.

Il romanzo è lungo più di cinquecento pagine e iniziano a farsi sentire e l’ultima parte in cui, appunto, ci sono continue regressioni e passi avanti, inizia a diventare ripetitivo.





Il Disturbo Dissociativo di Identità è tra i disturbi più discussi nel mondo della psicologia, ma la maggior parte dei dottori che hanno avuto a che fare con Billy si sono convinti del fatto che il caso fosse reale.

Impossibile che fingesse di avere l’amnesia; impossibile che quell’accento slavo fosse finto.

Insomma, quasi ogni persona che aveva a che fare con lui, si convinceva del fatto di parlare con persone diverse.

Ciò che sconvolge maggiormente, però, è come i pregiudizi delle persone abbiano influenzato negativamente la sua guarigione.

Dopo anni in cui seguiva una terapia adeguata e che aveva portato a una fusione e un’integrazione delle personalità, è stato spostato in un istituto di massima sicurezza in cui lo psicologo non credeva al suo caso.

L’ambiente ostile e la terapia sbagliata lo hanno portato a una regressione drastica.

In conclusione

Una stanza piena di gente è tra i libri più incredibili che abbia mai letto.

La vita di Billy Milligan è stata un continuo susseguirsi di traumi, scambi tra le personalità e sbagli a cui nessuna di loro riusciva a porre rimedio perché nessuna aveva abbastanza controllo sulla coscienza.

Questa storia ti obbliga a vedere dove può arrivare la mente umana e a capire quanto la realtà possa essere più sconvolgente e spaventosa di qualsiasi film o romanzo possiamo inventare.

Di sicuro, se decidete di leggerlo, non ve ne pentirete e rimarrete a bocca aperta.

Regala molti spunti di riflessione interessanti, ne ho parlato in un video:

Potete leggere anche:
Recensione: Tre Donne – Lisa Taddei
Recensione: Venuto al Mondo

Per questa recensione vi saluto.

Se l’articolo vi sembra interessante, condividetelo e commentate, e per non perdervi altri contenuti seguitemi su FacebookInstagram, o sugli altri social che trovate sulla destra o in alto.

Vi lascio anche la mia pagina Ko-fi, se volete sostenere la mia pagina con un caffé e il link di Tostadora, dove potete trovare magliette, cuscini e poster a tema nerd, con il codice ALLE15 che vi dà il 15% di sconto.

Se volete qui sotto trovate anche i miei link di affiliazione!

Alle.


recensione-una-stanza-piena-di-gente

Una stanza piena di gente –  AmazonFeltrinelliMondadoriIbsIl LibraccioKobo


No votes yet.
Please wait...
Voting is currently disabled, data maintenance in progress.

Informazioni su Alle

Ciao, mi chiamo Allegra. Leggo da quando ho memoria, anche se, devo ammettere che inizialmente guardavo solo le figure. Alcuni anni fa ho creato Libri, Sogni e Realtà, un blog in cui parlare di libri, film e serie tv, principalmente che non mi sono piaciuti e in cui mostro le differenze di molte trasposizioni cinematografiche. Da pochi mesi ho aperto anche un canale Youtube in cui affronto argomenti simili.
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *