Parliamone: L’uomo che scambiò sua moglie per un cappello

recensione-l'uomo-che-scambiò-sua-moglie-per-un-cappello

Parliamone: L’uomo che scambiò sua moglie per un cappello

Titolo originale: The Man Who Mistook His Wife For a Hat
Pubblicazione:
1985
Casa Editrice: Gli Adelphi
Pagine: 320
Dove trovarlo:  AmazonFeltrinelliMondadoriIbsIl LibraccioKobo

Oliver Sacks è stato un medico, chimico e scrittore britannico, è stato docente di neuorologia e psichiatria alla Columbia University.

Sacks è stato autore di molti best seller, tra cui L’uomo che scambiò sua moglie per un cappello, uno dei suoi libri più famosi.

Trama

“E’ un libro che vorrei consigliare a tutti: medici e malati, lettori di romanzi e di poesia, cultori di psicologia e di metafisica, vagabondi e sedentari, realisti e fantastici. La prima musa di Sacks è la meraviglia per la molteplicità dell’universo.”

Pietro Citati

Parliamone

Sempre la solita premessa: in questa tipologia di video, io scrivo quello che mi passa per la testa più o meno con un senso logico.

Sacks in L’uomo che scambiò sua moglie per un cappello divide il libro in tre grandi tematiche: le perdite, gli eccessi e “il mondo dei semplici”.

Attraverso questo percorso si riesce a capire come spesso diamo per scontate un’infinità di cose fondamentali che notiamo solamente quando vengono a mancare, oppure non sono in equilibrio.

Ancora di più, si ci rende conto che non sono solo le mancanze a creare problemi. Tutto ciò che scombina il nostro equilibrio, anche se piccolo e apparentemente insignificante, può creare problemi enormi.

Non ci si pensa mai, diamo per scontati molti punti della nostra vita che non dovremmo dare affatto per scontato.

Dopo questo giro di parole, torniamo al libro.

Oliver Sacks è in grado di riportare i casi clinici con una sensibilità e un’empatia unici.

Riesce a trattare la malattia in maniera interessante e completa, ma  senza che i pazienti diventino oggetti da studiare in cui l’unico aspetto da tenere in considerazione è la loro malattia.

Scritto così sembra quasi scontato, nella realtà purtroppo non lo è.

Si spinge a chiedersi cosa si possa considerare vita quando una lesione cerebrale si porta via il tuo intero futuro, come nel caso “Il marinaio perduto” in cui Jimmie G. era rimasto fermo al 1943 e neanche se ne rendeva conto.

Qualsiasi avvenimento accaduto dopo, veniva irrimediabilmente cancellato dopo pochi minuti, costringendolo a vivere nel passato.

O in un altro caso, dove Christina aveva perso completamente il senso della propriocezione e di conseguenza la capacità di controllare il proprio corpo, se non volontariamente.

Anche dopo anni di terapia e dopo aver riappreso la capacità di controllare i propri movimenti, il suo stesso corpo continuava a sembrarle estraneo.





Oltre a mostrare, appunto, come un danno cerebrale possa portare a malattie e disagi tra i più improbabili, ci mette davanti anche a chi siamo come esseri umani e che cosa sia veramente la nostra vita.

Mettendo anche un po’ di ansia a un certo punto, perché ci si rende conto di quanto la normalità sia precaria.

Riflette su come noi siamo i nostri ricordi stessi, su quanto una persona si possa ancora considerare tale se li perde, se rimane bloccata in un eterno presente.

Sto leggendo anche Una stanza piena di gente al momento ed è incredibile ciò che può fare la mente umana ed spaventoso pensare a quanto poco ancora sappiamo…

Le pagine scorrono senza che ce ne si renda conto: Sacks scrive in maniera semplice nella maggior parte dei casi.

Ogni tanto, però, dà per scontate alcune questioni che non lo sono affatto e risulta poco comprensibile a chi già non abbia una conoscenza pregressa della materia.

Visto che quei pezzi alla fine non sono il punto centrale di ciò che ti sta raccontando, non pesano sulla qualità del libro.

In conclusione

Non solo un saggio di psicologia, quindi, ma ha anche una piega filosofica.

Una lettura profonda e accattivante: casi strambi, ma allo stesso tempo agghiaccianti.

Se state iniziando ad approcciarci al mondo della saggistica, Oliver Sacks può essere un buon autore da cui partire.

Potete leggere anche:
-Come acchiappare un asteroide – Adrian Fartade
Recensione: Tre Donn – Lisa Taddei

Se l’articolo vi sembra interessante, condividetelo e commentate, e per non perdervi altri contenuti seguitemi su FacebookInstagram, o sugli altri social che trovate sulla destra o in alto.

Vi lascio anche la mia pagina Ko-fi, se volete sostenere la mia pagina con un caffé e il link di Tostadora, dove potete trovare magliette, cuscini e poster a tema nerd, con il codice ALLE15 che vi dà il 15% di sconto.

Alle.


recensione-l'uomo-che-scambiò-sua-moglie-per-un-cappello

L’uomo che scambiò sua moglie per un cappello –  AmazonFeltrinelliMondadoriIbsIl LibraccioKobo

il-fiume-della-coscienza-saggio-sacks

Il fiume della coscienza –  AmazonFeltrinelliMondadoriIbsIl LibraccioKobo


No votes yet.
Please wait...
Voting is currently disabled, data maintenance in progress.

Informazioni su Alle

Ciao, mi chiamo Allegra. Leggo da quando ho memoria, anche se, devo ammettere che inizialmente guardavo solo le figure. Alcuni anni fa ho creato Libri, Sogni e Realtà, un blog in cui parlare di libri, film e serie tv, principalmente che non mi sono piaciuti e in cui mostro le differenze di molte trasposizioni cinematografiche. Da pochi mesi ho aperto anche un canale Youtube in cui affronto argomenti simili.
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *