Fino all’osso

to-the-bone-netflix-film

Fino all’osso

Paese di produzione: Stati Uniti D’america 
Durata: 107
 minuti
Genere: drammatico, commedia

Fino all’osso, in lingua originale To the Bones, è un film uscito il 14 luglio 2017 su Netflix. È stato scritto e diretto da Marti Noxon, ed è stato il suo debutto alla regia cinematografica.

Trama

Ellen è una ragazza che soffre di anoressia dall’adolescenza. Da anni entra ed esce dalle cliniche, ha dovuto mettere il sondino per alimentarsi più di una volta, ma niente sembra scuoterla davvero, non pensa nemmeno di avere un problema.

La sua famiglia, la compagna di suo padre, Susan, e la sua sorellastra , soprattutto, cercano in tutti i modi di aiutarla. Susan ha trovato, come ultima risorsa, un medico non convenzionale, il Dr. William Beckham che le dice che se non accetta di farsi ricoverare non potrà aiutarla.



Questa volta, però, non si tratta di una clinica, ma di una casa, abitata da altri sei ragazzi, e dei medici che si occupano di far rispettare le regole e gestire le sedute di gruppo. Lì non si è obbligati a mangiare, ognuno può trovare il proprio modo di accettarsi e sconfiggere la malattia.

Più si riesce ad avanzare, mangiare, guadagnare peso, più si accumulano punti che possono essere spesi per uscire da soli o acquistare dei vantaggi.

Commenti e critiche

Che dire? Beh innanzitutto che Netflix è un tesoro di serie tv e film davvero belli e questo non fa eccezione.

È crudo, realistico, affronta i problemi di questa malattia, mostrando vari aspetti dei disturbi quali bulimia e anoressia. Lo fa anche in maniera leggera e ogni tanto divertente, ma mai in modo allettante per gli spettatori.

Non ti viene voglia di iniziare, detto in parole povere, a me è capitato di provare questo tipo desiderio (non so nemmeno se chiamarlo desiderio sia giusto), con un libro che ho letto alla fine delle medie. E, sebbene sia rimasta fuori da questo tipo di problemi, per fortuna, anche solo pensarci è stato strano e spaventoso. Non immagino avanzare su quella strada.

In Fino all’osso, invece, non accade, per lo meno a me, niente di tutto ciò, ma non ti dà nemmeno la sensazione di essere una specie di propaganda anti-ana o qualcosa di sogno rosa con gli unicorni… ehm non l’ho fatto apposta.

È una via di mezzo molto interessante e coinvolgente. Si tratta di un film drammatico, tuttavia non ti sciogli sotto le tue lacrime, non è esagerato in quel senso.

Non ho mai sofferto di questi disturbi, per fortuna, ma credo, per quello che posso immaginare da fuori e da quello che ho sentito in qualche video su YouTube, di chi c’è passato veramente, che tratti come si deve questa malattia, che la rappresenti anche visivamente in maniera realistica.

In conclusione

Beh andate a guardarlo, tanto è su Netflix! Potete anche usare il mese di prova gratuita.

Non ho molto altro da dire, spero che possa essere di aiuto e di conforto per qualche persona che sta attraversando situazioni del genere o che sia sul baratro.

Vi saluto e, mi raccomando, se volete rimanere aggiornati, oppure semplicemente aiutarmi, andate a mettere un mi piace alla pagina Facebook, seguitemi su Instagram o sugli altri social che trovate sulla destra (o in alto), condividete e commentate.

A presto, Alle.

No votes yet.
Please wait...

Informazioni su Alle

Ciao, mi chiamo Allegra. Leggo da quando ho memoria, anche se, devo ammettere che inizialmente guardavo solo le figure. Alcuni anni fa ho creato Libri, Sogni e Realtà, un blog in cui parlare di libri, film e serie tv, principalmente che non mi sono piaciuti e in cui mostro le differenze di molte trasposizioni cinematografiche. Da pochi mesi ho aperto anche un canale Youtube in cui affronto argomenti simili.
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *